IL FUTURO

Questa macro-area è integrata con le altre affinché le sue risorse umane e naturali abbiano la capacità di creare delle condizioni di sviluppo a loro compatibili, in maniera tale che tale progetto, predisponga le basi per accogliere imprese e lavoratori in modo sostenibile.

LA QUARTA AREA

8.0 – ENERGIA

Riduzione degli sprechi energetici attraverso l’efficientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico e privato, con l’introduzione di produzione di nuove e diffuse forme di energia rinnovabile.

8.1 Riduzione degli sprechi energetici

Efficientamento del patrimonio immobiliare sia pubblico che privato aumentando il comfort termico, acustico, visivo, al fine di ridurre il fabbisogno energetico e ridurre i carichi ambientali, da attuare attraverso un regolamento comunale, che definisce le procedure e i requisiti tecnici minimi nonché forme di incentivi adottati dall’Amministrazione Comunale.

Incentivare l’efficienza energetica degli impianti pubblici e privati, e del sistema di illuminazione pubblica (sostituzione di lampadine a led, e l’adesione al Green Public Procurements, ecc.).

Certificare il Comune di Ginosa con la Bandiera Verde.

8.2 Realizzazione di una centrale elettrica diffusa

Realizzazione, su modello cooperativo, di una centrale elettrica diffusa sui tetti di Ginosa e Marina di Ginosa con micro impianti di 3kw (circa 12-14 pannelli solari), garantendo energia gratuita ai cittadini che vorranno aderire, liberare il comune dalla bolletta energetica, e con il surplus finanziare forme di welfare “verde” partecipato. La centrale verrà realizzata in collaborazione con enti pubblici e dando precedenza agli artigiani locali, creando occupazione e sviluppo a km 0.

9.0 – TURISMO E PROMOZIONE DELLA CULTURA LOCALE

Promuovere e consolidare l’immagine locale come un insieme di destinazioni a cui rivolgersi per un soggiorno turistico/culturale di alta qualità.

Favorire la “destagionalizzazione” dei flussi turistici, attraverso una diversificazione dell’offerta nei percorsi enogastronomici del turismo costiero e marittimo, in linea con una accurata attività di tutela, recupero e fruizione dei beni architettonici locali, volta ad una più ampia valorizzazione del patrimonio storico-culturale.

9.1 Istituzione di un gruppo di lavoro permanente sull’industria del turismo

Il gruppo dev’essere composto da una compagine pubblica come l’assessorato al turismo del comune e dal privato ovvero operatori turistici di Ginosa e Marina di Ginosa nonché dalle associazioni che anche indirettamente si occupano di turismo.

Il lavoro del gruppo sarà dedicato a:

  • Studio delle potenzialità turistiche di Ginosa e definizione degli obiettivi;
  • Individuazione delle punte di diamante da orientare a differenti pubblici del mercato turistico;
  • Progettazione pluriennale delle azioni volte ad accompagnare il tessuto imprenditoriale verso mercati con miglior capacità di spesa;
  • Organizzazione dei servizi turistici rivolti a specifici pubblici di mercato;
  • Coordinamento degli eventi locali;
  • Valorizzazione delle tradizioni locali nonché l’autenticità e lo spirito di accoglienza;
  • Promozione e comunicazione grazie alla collaborazione con Pro Loco/I.A.T.;
  • Formazione degli operatori turistici;
  • Comparazione periodica dei risultati con gli obiettivi.

9.2 Connessione tra l’industria turistica di Ginosa, il settore agroalimentare e l’artigianato

Tale connessione è volta:

  • Alla creazione di attività turistiche autentiche che differenzino l’attrattività turistica di Ginosa grazie al coinvolgimento dei turisti stessi;
  • A vitalizzare il mercato del lavoro locale attraverso il recupero di professioni a rischio di estinzione (fabbro, falegname, sarto…) nonché a creare occasioni di inserimento di nuove figure professionali del terziario (social media manager, web marketer, ecc).

9.3 Imminente posizionamento sul mercato turistico, nazionale ed internazionale

Questo avverrà grazie alle operazioni della nuova destinazione Ginosa e Marina di Ginosa in coordinamento con destinazioni turistiche di appeal più elevato come Matera, Taranto, Alberobello nonché con l’ente regionale Puglia Promozione e la fondazione Matera 2019.

9.4 Valorizzazione del territorio in chiave ambientale e turistica

Intercettare fondi comunitari orientati a progetti di riqualificazione e valorizzazione della Gravina di Ginosa e del litorale di Marina di Ginosa per aumentare il grado di fruizione da parte di turisti con elevata capacità di spesa.

I progetti di riqualificazione e valorizzazione avranno come priorità la salvaguardia ed il rispetto dell’ambiente ed al tempo stesso saranno pensati per una fruizione delle nostre risorse con lo scopo di creare economia per la comunità.

Strutturare e organizzare visite guidate, percorsi paesaggistici in un’ottica di valorizzazione tanto della “civiltà rupestre”, quanto delle aree naturali protette che il territorio concede.

10.0 – SVILUPPO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE artigiane ed agricole

Promozione delle produzioni e delle eccellenze locali, sia agricole che artigianali, creando reti tra i produttori e gli operatori di livello nazionale ed internazionale. Investimenti nella formazione per acquisire strumenti moderni di fare impresa e rete, senza dimenticare gli incentivi di finanza agevolata, nazionali ed europei.

10.1 Ufficio informazioni

Attivazione di un ufficio preposto a disposizione delle aziende del territorio, per informare e comunicare eventuali:

  • Documenti redatti comunali, provinciali e regionali per eventuali comunicazioni di carattere amministrativo, ed indicazioni di linee guida da rispettare onde evitare eventuali sanzioni;

  • Informazione sui bandi di finanziamento regionali, nazionali ed europei sia per start-up che per le imprese esistenti;

  • Promozione di eventi regionali, nazionali ed esteri per la valorizzazione delle eccellenze locali come ad esempio fiere.

10.2 Tutela delle categorie

Promozione della nascita e dello sviluppo di associazioni di categoria e consorzi di tutela aperti ai mercati nazionali ed internazionali.

10.3 Formazione

Incremento del tessuto produttivo attraverso corsi di formazione volti sia ad aiutare i giovani all’inserimento nel mondo del lavoro, che a fornire alle imprese locali le competenze necessarie per crescere sui mercati sia nazionali che esteri.

Organizzazione di incontri, corsi e dibattiti su vari temi che vanno dall’innovazione delle produzioni locali alla discussione delle problematiche inerenti ai diversi settori, ad esempio per quello agricolo: diritto agrario, ecc..

Promozione di viaggi studio per la formazione di operatori locali.

10.4 Tutela e recupero delle eccellenze locali artigiane

Riscoperta dei vecchi mestieri incentivando i giovani artigiani al recupero delle vecchie metodologie e dei materiali autoctoni nelle costruzioni, per la valorizzazione delle tipicità storiche del nostro territorio, coinvolgendo i vecchi artigiani, depositari delle tradizioni, affinché queste ultime possano essere tramandate e valorizzate.

Organizzazione di eventi mensili per la promozione di prodotti ed aziende locali al fine di mettere in risalto produzioni di certificazione biologica.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter